Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

3 giorni Briancon 1a tappa


Datagita: 12-09-2014
Regione : Francia
Partenza: Le Lauzet
Quota di partenza: 1670
Quota di arrivo: 1670
Dislivello in salita: 2200
Dislivello in discesa:
Lunghezza percorso: 45 Km
Rifugio di appoggio:
Tipologia itinerario : Non selezionata
Difficolta scala CAI: OC
Difficolta scala SINGLETRAIL : Non selezionata
Condizione fisica: Duro
Condizioni itinerario: Ottime
valutazione itinerario:
commento: Partecipano :Claudio , Nando, Ivan. Pier, Gigi, Fabrizio.ch, Luca B., Giovanni, Jonny, Antonio, Luca M., Marco , Vladi, Davide e Filippo
Partenza in auto e furgone di Gigi da Calolziocorte alle 4,30 , arriviamo a Le Lauzet, ca 15 km NO di Briancon nella val Guisane , e alle 9,30 partiamo in sella alle nostre bici.
La giornata è tersa la temperatura bassina (5°C) e c’è vento da N . imbocchiamo subito una bellissima sterrata che costeggia il torrente in fondovalle.Incontriamo dei caprioli e man mano che avanziamo la vista si apre sul col del Lautaret e sui ghiacciai della Maije.
Raggiungiamo quota 2000 ca dove attraversiamo la strada principale e ci inseriamo nella “Ancienne Route du Galibier”. Questa era la strada originale che conduceva al colle, poi sostituita con la nuova proveniente dal col del Lautaret, fino al 1947 era la VERA salita del tour de France .
Ripida sterrata e sconnessa ha messo a dura prova per ca 5 km la nostra preparazione fisica fino a raggiungere quaota 2540 msl nei pressi dell’imbocco del tunne del Galibier.ci manca ancora 1 Km e 100 mt di salita per raggiungere su “graditissimo” asfalto il Col du Galibier 2642 msl. Temperatura rigida e vento fastidioso ci lasciano il tempo solo di cambiarci e coprirci per iniziare la discesa. Solo ora , verso sud è visibile la cima della Barre des Ecrins.
I più temerari imboccano subito un ripidissimo sentiero mentre gli altri scendono la strada per ca 1 km.
Poi tutti su sterrata per imboccare, in discesa la Combe de Mottavieille un vallone solitario e stupendo che ci porta al ricongiungimento con la strada del Galibier versante N dopo 8 km di discesa , a quota 1760slm.
Sosta per prendere acqua e cambiare assetto , e pronti per risalire la strada asfaltata fino a raggiungere localita Plan Lachat 1962 msl dove ci fermiamo in un bar per rifocillarci.
Abbandoniamo la strada asfaltata e saliamo su di una terribile sterrata militare fino a raggiungere il Col de Rochilles con i suoi due laghi . Stupendo!!
Via ancora in salita , stavolta a spinta fino al Col de Cerces 2574 msl .
Scendiamo in sella su di un bel sentiero , ma il panorama sul lago di Cerces è spaziale e non bisogna distrarsi per curare le asperità del terreno.
Al laghetto 2410 msl qualcuno va in cerca di trote …..
Ma non c’è tempo , ci aspetta l’ultima salita , a spinta al col de la Ponsonniere 2613 msl.
Ora solo discesa
Dopo una sosta per godere della giornata e del panorama e ipotizzare il percorso in discesa , via per un single track tecnico che ci porta ad una baita passando per il Lac de la Poinsonniere, cambio di direzione verso E e continua il sentiero molto tecnico , fino ad incontrare un gregge di migliaia di pecore . il Pastore ci obbliga a scendere dalle bici e passare a piedi.
Superiamo il gregge (e il pastore) e, di nuovo in sella raggiungiamo Alpe du Lauzet, e poi Le Lauzet al parcheggio.
Stanchi e soddisfatti ci avviamo all’Hotel de L’ Europe a Le Monetiers les bains.
Cena con zuppa di legumi e pollo al curry,dolce e formaggi poi a letto (tranne che per pochi coraggiosi che fanno un po di stretching assaggiando dell’ottimo Armagnac nel bar di fronte l’hotel.
immagine1:
Descrizione immagine:
immagine2:
Descrizione immagine:
immagine3:
Descrizione immagine:
URL report esterno: