Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tracciolino (Valle dei Ratti)


Datagita: 20-07-2017
Regione: Lombardia
Partenza: Verceia
Quota di partenza: 210 m
Quota di arrivo: 1287 m
Dislivello: 1080 m
Rifugio di appoggio: Rifugio Frasnedo
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria: nessuna
Condizioni itinerario: Non selezionata
Valutazione generale gita: Non selezionata
Commento: Partenza da Verceia (SO); proprio alle spalle della stazione c'è un piccolo parcheggio dove lasciamo l'auto. Da qui, prendiamo via San Francesco in leggera salita; dopo circa 500 m incontriamo a sinistra via Vico e un cartello indicatore per la Valle dei Ratti. Dopo poche decine di metri deviamo a destra sulla Mulattiera Valle dei Ratti che ci permette di "tagliare" alcuni tratti di asfalto passando attraverso il bosco seguendo le numerose indicazioni "Frasnedo - Val dei Ratti". La strada ci porta in una radura dove poco più avanti si incrocia il tracciato della vecchia ferrovia (denominata Tracciolino) che collegava la Val dei Ratti alla Val Codera. Un cartello in legno indica tre direzioni, per Frasnedo; per San Giorgio-Codera; per la diga Moledana nella Valle dei Ratti, noi seguiamo questa direzione. Giunti alla diga la attraversiamo lungo il suo coronamento di circa 60 m. da qui è possibile godere di un impressionante panorama sulla valle sottostante. Seguiamo il cartello che ci indica per la frazione di Frasnedo e l’omonimo rifugio. Passiamo delle belle baite a Moledana e Corveggia, il bel sentiero entra nel bosco e con buona pendenza ci porta dritti al Rifugio Frasnedo (1287 m) e ai “pizzoccheri bianchi” e non solo. Dopo l’ottima pausa pranzo scendiamo lungo il sentiero da Frasnedo fino al cartello in legno con le tre indicazioni e seguiamo lungo le rotaie verso San Giorgio e la Val Codera. Il primo tratto offre moltissime belle vedute sulla val Chiavenna e sui paesi sottostanti di Campo, Verceia e Novate Mezzola, ma è solo una volta arrivati alla prima galleria che inizia il vero spettacolo, è la più lunga e spettacolare. Facciamo attenzione alla testa perché il soffitto delle gallerie è molto basso e le persone con una certa altezza rischiano di battere la capoccia. È un continuo susseguirsi di passaggi nella roccia intervallati da brevi tratti nelle gallerie. Questo tratto di escursione è completamente pianeggiante. In vista del piccolo borgo di San Giorgio incrociamo a sinistra il sentiero (cartello) che scende giù al paesino. Completiamo l’anello con la discesa verso Novate Mezzola che è piuttosto ripida. Arrivati alla base della discesa, o si continua sulla strada che diventa quasi subito asfaltata e, prendendo la via Ligoncio, si raggiunge la stazione di Novate Mezzola e si prosegue al parcheggio auto di Verceia, oppure preventivamente lasciare un’auto che sarà utilizzata come bus navetta per il recupero delle altre auto lasciate a Verceia. P. S. è possibile acquistare a Verceia (es. bar Val dei Ratt) il ticket pedaggio salita auto al Tracciolino (5 €). Alcuni dati escursione anello: distanza percorsa 21 km circa; dislivello totale + 1100 m (saliscendi); tempo totale anello 6 h circa (senza pause). Hanno partecipato 30 soci. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più... al Rifugio Frasnedo
Immagine 2:
Descrizione immagine: G.Q.P. e più... davanti la chiesa di Frasnedo
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più... alla partenza del Tracciolino
URL report esterno: