Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Medale e Crocione del S. Martino


Datagita: 11-02-2016
Regione: Lombardia
Partenza: Rancio (Lecco)
Quota di partenza: 370 m
Quota di arrivo: 1042
Dislivello: 700 m (saliscendi)
Rifugio di appoggio: rifugio Piazza (aperto)
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Ottima
Commento: Finalmente! Dopo insistenti inviti a partecipare e dopo l’ennesima escursione del G.Q.P., ci “onora” della sua presenza per la prima volta il nostro amico Giuseppe, Presidente della nostra sezione CAI di Calolziocorte. Lo accogliamo con piacere, così come facciamo sempre con tutti, cerchiamo di far “toccare con mano” l’attività del gruppo. La nostra frase spiritosa: “…in compagnia è la cosa più bella che ci sia!” racchiude il nostro pensiero, ci spinge a vivere un’esperienza che ci fa guardare positivamente la vita, è regalare un sorriso. Sappiamo di essere dei “privilegiati”, organizziamo tutti i giovedì dell’anno (e non solo) escursioni e altro. La gita non è solo una parola “turistica”, è condividere tra appassionati come noi della montagna il bello e il buono che ci riserva ogni volta l’escursione. È con questo spirito d’amicizia che partiamo speranzosi per la gita odierna che avviene da Rancio (Lecco) e in fondo alla via Paradiso ci aspetta il nostro “capo”, per oggi anche la nostra “guida”, lo troviamo comodamente seduto su un muretto esposto al primo sole mattutino. La proposta prevedeva un itinerario ma, l’organizzazione si riserva di modificare il programma per eventuali imprevisti o ragioni organizzative e così cambio in corsa, faremo un giro ad anello, evviva! Al termine della strada asfaltata seguiamo la prima parte del sentiero (segnavia 52). La pendenza aumenta e attraversiamo il bosco fino a giungere a un crocevia che indica il sentiero 58 per la Ferrata del Medale che noi ignoriamo. Percorriamo il tratto forse più ripido con serpentine aiutati da gradoni di pietra. Ignoriamo anche il sentiero che indica un cartello per la Vergella e continuiamo a salire sino a incrociare la deviazione a destra per il sentiero 56a del Medale. Lo seguiamo, dapprima un’ampia traccia in salita, poi effettuiamo un largo giro attraversando a mezza costa la testata della Val Nera e superando valloncelli e gole raggiungiamo infine la panoramica croce di vetta del Corno Medale (1029 m). Breve sosta e ripartiamo verso il San Martino seguendo il sentiero 57. Un saliscendi tra le creste rocciose ci porta fino a incrociare delle diramazioni segnalate, la prima per il Regismondo, la seconda per la vetta o il rifugio Piazza. Proseguiamo per la cima al Crocione del Monte S. Martino (1042 m), la nuova croce, inaugurata nel 2014, è di metallo e al suo interno contiene una reliquia della vecchia croce di legno. Ci godiamo lo splendido panorama a picco su Lecco e il lago e tutt’intorno ai suoi monti. Torniamo un po’ indietro sui nostri passi e al bivio puntiamo in discesa verso il rifugio con lo sguardo sempre rivolto verso “…quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno…” giusto appunto, verso l’ora di pranzo! Abbiamo prenotato una “pizzoccherata” al Rifugio Piazza (767 m) e i gestori/volontari del GER (Gruppo Escursionisti Rancesi) ci fanno accomodare purtroppo in due locali separati al piano superiore. Come sempre ci adattiamo e per alzata di mano (bugia) ci dividiamo un locale per sole donne (con intruso), l’altro per soli uomini. Alla fine del pranzo ci portiamo ai tavoli all’esterno del rifugio, dove troviamo una piacevole sorpresa, incontriamo alcune nostre amiche del CAI di Ponte San Pietro. Troviamo anche un “personaggio” di difficile definizione, sforna epiteti dai significati più strani e a volte all’estremità del buon senso, comunque è simpatico e ci facciamo due risate. Per completare l’anello ci abbassiamo percorrendo il sentiero 52 e facciamo una breve sosta alla cappella Madonna del Carmine (746 m), punto panoramico di invidiabile bellezza anche per luoghi più blasonati. Un ultimo sguardo al belvedere e via, giù fino alle auto. Escursione ad anello completata, siamo tutti felici e contenti e…la domanda al nostro “presidente” nasce spontanea: Ti è piaciuta l’uscita con il G.Q.P.? Risposta: “Tutto a posto! E’ stato bello ma, per due anni basta!”. Hanno partecipato: Adelia, AlessandroCarlo, Carla, Carlo, Cesare, Cinzia, Claudio, Cornelio, Daniela, Giancarlo, Gianni, Giovanni, Lida, Lino, Luciano, Luisa, Maria, Mariuccia, Mondo, Patrizia, Piero, Rosy, Sandra, Sandro, Tonino, con la partecipazione straordinaria di Giuseppe Rocchi…Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...alla croce del Corno Medale (1029)
Immagine 2:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...al Crocione del San Martino (1042 m)
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...al Rifugio Piazza (767 m)
URL report esterno: