Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Traversata bassa Grigne


Datagita: 04-02-2016
Regione: Lombardia
Partenza: Piani Resinelli
Quota di partenza: 1280 m
Quota di arrivo: 1400 m
Dislivello: 650 m (saliscendi)
Rifugio di appoggio: nessuno
Difficolta: F - Facile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Ottima
Commento: Oggi percorreremo la “Traversata bassa delle Grigne” che si sviluppa a mezza costa sul versante sud/est delle Grigne, collegando Piani Resinelli a Pialeral. Parcheggiamo le auto nell’ampio parcheggio ghiacciato a Piani Resinelli (1280 m), frazione di Ballabio. Imbocchiamo la strada che porta al rifugio Soldanella e in successione all’Alpe Mus’cera (1354 m), a Pian delle Fontane. La giornata è “rinfrescata” da un forte vento ma serena e questo ci permette di ammirare una panoramica sulle Grigne, a sinistra la Grigna meridionale (Grignetta) e a destra la Grigna settentrionale (Grignone). Un cartello ci indica il percorso da seguire, abbandoniamo la strada sterrata e ci inoltriamo su sentiero in un fitto bosco. Passiamo nella vallata del “gerone”, così chiamato per i detriti e le pareti di materiale friabile, prova delle passate frane che rendono quest’ambiente affascinante per le sue grandi dimensioni. Sempre sul bel sentiero in saliscendi raggiungiamo un paio di case diroccate a Sasso dell’Acqua (1202 m). Pochi minuti in discesa e siamo a fondovalle, dove scorre il torrente Pioverna, lo attraversiamo senza alcuna difficoltà e ci fermiamo per una breve pausa sul versante opposto al bosco. Risaliamo l’abbastanza ripido sentiero che ci porta all’uscita della boscaglia al bellissimo colle dell’Alpe Cova (1301 m), dove la vista si apre sulle Grigne e la Valsassina. Da qui in dieci minuti raggiungiamo su carrozzabile la nostra meta, il Rifugio Antonietta (1400 m), chiuso. Il vento sembra aumentare la sua forza e rende la percezione dell’aria sul viso ancora più fredda nonostante il sole. È impossibile fermarsi qui per la pausa pranzo, cerchiamo un riparo e lo troviamo appena sotto una cinquantina di metri dal rifugio in una grande baita privata, il posto si rivelerà un’ottima scelta. Come sempre la refezione è abbondante, mangiare e bere sono uno degli “sport” più amati dal gruppo. Non manca nemmeno un piacevolissimo evento “sorpresa”, il nostro artista Giovanni ha voluto premiare con un sua “opera” (il disegno ritrae la piccola cappella Madonna della Neve di Lagunc), il 35° Anniversario di Matrimonio alla coppia di “sposini” Lu & Lu che ringraziano affettuosamente. Naturalmente a seguire brindisi e foto ricordo. Nel frattempo il vento è calato ed è giunta l’ora di completare l’escursione, per lo stesso percorso dell’andata ritorniamo sui nostri passi. Prima però a circa metà cammino ci fermiamo ancora un po’, seduti sul prato, a goderci un caldo sole. Arrivati al parcheggio a Piani Resinelli, diamo un’occhiata all’applicazione dello smartphone che ci riporta i dati dell’itinerario: tempo cammino 5 h (escluso pausa pranzo); distanza percorso 16 km (A/R); dislivello positivo 650 m (negativo 560 m); calorie consumate 750 kcal, manca però un dato nell’applicazione e che noi moralmente aggiungiamo, calorie recuperate circa 1500 kcal !!!! per causa forza maggiore…il convivio…Hanno partecipato: Adelia, Adelio, AlessandroCarlo, Betty, Carla, Carlo, Cesare, Claudio, Cornelio, Daniela, Giancarlo, Gianni, Giovanni, Lida, Lino, Luciano, Luisa, Maria, Mariuccia, Patrizia, Piero, Rosy, Sandra, Sandro, Tonino. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: Alpe Mus'cera (1354 m)
Immagine 2:
Descrizione immagine: Alpe Cova (1301 m)
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...al Pialeral
URL report esterno: