Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Monte Barro


Datagita: 10-12-2015
Regione: Lombardia
Partenza: Galbiate
Quota di partenza: 371 m
Quota di arrivo: 922 m
Dislivello: 650 m (saliscendi)
Rifugio di appoggio: nessuno
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Buona
Commento: A Galbiate parcheggiamo l’auto nella zona delle scuole. A piedi seguiamo le indicazioni per S. Michele fino a incrociare e risalire Via dell’Oliva, dalla quale lasciata l’ultima casa, poco più avanti sulla sinistra ha inizio il Sentiero delle Creste (segnavia n. 305). La giornata è splendida, nemmeno una nuvoletta nel cielo azzurro. Entriamo nel bosco e raggiungiamo il primo sperone roccioso, III° Corno (768 m), alle nostre spalle il colpo d’occhio è spettacolare, i laghi verso la Brianza sono sotto la nebbia, il fotoreporter ringrazia per questa immagine particolare. Scendiamo e risaliamo, tocchiamo il II° Corno (791 m), dritto davanti a noi la nostra meta, la Croce luccica sullo sfondo di un cielo azzurro splendente. Di nuovo scendiamo e poi risaliamo, ci troviamo così al I° Corno (814 m). Tutto questo saliscendi è un percorso veramente panoramico, le fotocamere digitali sono sotto sforzo, gli scatti continui riempiono le Memory Card di foto affascinanti che devono essere salvate per sempre (si spera). Oltrepassato l’ultimo sperone roccioso, con l’aiuto delle mani ci arrampichiamo su facili roccette e raggiungiamo la vetta del Monte Barro (922 m), sulla sua sommità una grande Croce. Panorama completo, da 1 a 360 gradi. Dalla cima continuiamo a seguire il Sentiero delle Creste (segnavia n. 304), ancora un breve saliscendi, sempre su facili roccette, prima di iniziare la discesa verso i Pian Sciresa. Anche questo percorso sui Prati della Corna tra lago e monti è grandioso, unica differenza dalla salita è il clima, man mano che scendiamo il sole alle nostre spalle, scompare dietro la vetta e ci lascia all’ombra della montagna che raffredda l’aria proveniente dal lago. Arriviamo al Sasso della Vecchia (670 m) dove incrociamo il sentiero n. 301 che ci conduce attraverso il bosco fino alla Baita Pian Sciresa (446 m) che troviamo aperta. È mezzogiorno, ci accomodiamo all’esterno della baita sulle panche di cemento intorno ai tavoli per svuotare gli zaini del pranzo. Approfittiamo dell’ultimo spicchio di sole, circa una ventina di minuti e, velocemente finiamo di mangiare, dopodiché ci accomodiamo all’interno della baita, al caldo del camino (forse troppo caldo…è vero non siamo mai contenti, fuori fa freddo, dentro c’è caldo…vabbè!), comunque siamo qui felici e contenti a bere un buon caffè. Riprendiamo il cammino per completare il nostro “giro ad anello” e seguendo il Sentiero di Mezzo (segnavia n. 301) quasi pianeggiante, tra una chiacchiera e l’altra ritorniamo al parcheggio. Hanno partecipato: Adelia, Adelio, Adriana, AlessandroCarlo, Betty, Carla, Carlo, Cesare, Cornelio, Daniela, Gianbattista, Giancarlo, Gianni, Gigi, Lino, Luciano M., Luciano R., Luisa, Maria, Nadia, Renzo, Sandra, Sandro, Tonino, Valeria. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: ...i laghi della Brianza sono sotto la nebbia...
Immagine 2:
Descrizione immagine: ...verso la vetta...
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...in vetta al Monte Barro (922 m)
URL report esterno: