Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Monte Resegone


Datagita: 03-12-2015
Regione: Lombardia
Partenza: Brumano
Quota di partenza: 915 m
Quota di arrivo: 1875 m
Dislivello: 960 m
Rifugio di appoggio: rifugio Azzoni (chiuso)
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Ottima
Commento: Partiamo di buon mattino da Sala di Calolziocorte avvolti nella nebbia. Strada facendo l’aurora dipinge di colore rossastro alcune nuvole innocue in lontananza. È questa la prima fotografia che appare strada facendo al nostro lento risveglio. Parcheggiamo le auto a Brumano in Valle Imagna, vicino alla chiesa (915 m) dove ci accoglie il sole del mattino che illumina di colori caldi il paesaggio e il nostro umore è già alle stelle. A fianco di una casa un cartello indica la nostra direzione, Monte Resegone sentiero 587 a ore 2.30. Saliamo tra i prati e alcuni tratti asfaltati attraverso case, stalle e cascine situate nella zona alta di Brumano, lungo il percorso troviamo i bollini a bandierina giallo/bianco/rosso segnati col n. 13. Arrivati all’altezza di un tornante, appesa a un albero una freccia indica verso destra per il Rifugio Resegone, mentre su una palina un cartello a forma di casetta indica il Rifugio Capanna Alpinisti Monzesi al Resegone, prendiamo questa direzione. In leggera salita dapprima nel bosco poi di nuovo su strada asfaltata fino all’ultima cascina dove ad attenderci nel vicino prato alcune mucche ci osservano quasi incuriosite della nostra presenza. Dietro la stalla, all’inizio del sentiero sassoso, un’altra freccia indica per il rifugio Resegone e un cartello “casereccio” di legno indica Forcella al Palio sentiero 571. Entriamo nel bosco e raggiungiamo un casello dell’acquedotto e una vasca d’acqua, qui incrociamo alla nostra sinistra il sentiero 589 della Passata. Proseguiamo dritto, su un sasso la scritta Palio, nuovamente nel bosco fino a raggiungere in pochi minuti il Rifugio Resegone (1265 m), facciamo una sosta. A fianco del rifugio un cartello del CAI Bergamo indica Monte Resegone/Rifugio Azzoni sentiero 587, i Solitari sentiero 590 e verso Brumano 587. Passiamo a fianco di una baita e c’inoltriamo in un bel bosco di faggi, percorriamo il sentiero con pendenza saliscendi fino a un bivio marcato da numerose frecce, da qui più ripidamente sino al Colletto di Brumano (1500 m) dove ci immettiamo sul sentiero 17 (571) che sale da Morterone. Siamo vicini alla meta, ancora una mezzoretta di dura salita ed eccoci in vetta al Rifugio Azzoni (1860 m) e dopo l’ultima scalinata di cemento che ci porta ai piedi della grande Croce di ferro sulla Punta Cermenati (1875 m), un’occhiata all’orologio, tempo di percorrenza 2 h e 45 min. dalla partenza (pause comprese). La soddisfazione generale è grande, la fatica è solo un sano ricordo, la splendida giornata ci regala panorami impagabili, intorno a noi paesaggi meravigliosi, cambia il belvedere solo verso i territori del Monzese e Milanese, sono sommersi dalla nebbia e forse anche dallo smog. Approfittiamo delle panchine davanti al rifugio (chiuso) per sederci comodamente a mangiare e bere, con una moltitudine di gracchie di montagna che volano intorno. Qui si sta troppo bene, il sole “picchia” duro, il caldo è fuor di misura, se non fosse per il calendario che distingue il 3 dicembre 2015, diremmo che oggi è un’amabile giornata primaverile. Nessuno vuole alzare il c..orpo dalla panca e staccare le spalle appoggiate al muro del rifugio, ma la via del ritorno bisogna per forza intraprendere. Così per lo stesso percorso della salita ora scendiamo fino al rifugio Resegone e da qui ci abbassiamo verso valle, NON per lo stesso sentiero dell’andata, perché di pendenza lieve, MA per un altro sentiero (13), assolutamente più ripido che richiede la discesa con il “freno a mano” tirato, giusto per “conservare” le ginocchia, completiamo l’escursione. Hanno partecipato: Adelio, Adriana, AlessandroCarlo, Betty, Carla, Carlo, Cesare, Cornelio, Daniela, Giancarlo, Giovanni, Luciano M., Luciano R., Luisa, Maria, Patrizia, Renzo, Rosy, Sandra, Sandro, Valeria. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: Rifugio Azzoni e la Croce alla Punta Cermenati
Immagine 2:
Descrizione immagine: disegnare e cantare...in vetta
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...in vetta al Resegone (1875 m)
URL report esterno: