Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pizzo Tre Signori


Datagita: 02-07-2015
Regione: Lombardia
Partenza: Val Gerola località Laveggiolo
Quota di partenza: 1471 m
Quota di arrivo: 2554 m
Dislivello: 1085 m
Rifugio di appoggio: rifugio Trona Soliva (aperto)
Difficolta: AD - Abbastanza Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Eccellente
Commento: Il Pizzo Tre Signori rappresenta una delle più classiche e panoramiche ascensioni delle Orobie occidentali. L’escursione si può effettuare da diversi itinerari, noi abbiamo scelto come punto di partenza la Val Gerola, più precisamente da Laveggiolo (1471 m). Arrivati al termine della strada, parcheggiamo l’auto e proseguiamo per la carrabile chiusa al traffico. La giornata è serena ma nonostante siano solo le 7.45 già, si fa sentire il “caldo africano” e qualche timore nutre nei nostri confronti che possa capitare di non farcela essendo l’escursione di oggi lunga e impegnativa. Proseguiamo in falsopiano nel bosco fino a un bivio, dove troviamo un cartello indicatore che segnala il sentiero della memoria G.V.O. per il rifugio Trona Soliva (1907 m). Parte del gruppo utilizza questa scorciatoia più ripida, gli altri preferiscono continuare sulla sterrata, più lunga ma che sale dolcemente. Dopo un’ora e mezza di cammino, breve pausa ad ammirare la vallata, il lago di Trona e la diga (1805 m), il lago dell’Inferno con il suo sbarramento (2085 m) e con lo sguardo un po’ più in là il Pizzo Tre Signori che si erge davanti a noi ancora lontano. Riprendiamo a salire seguendo il sentiero indicato come Direttissima per il rifugio F.A.L.C. a 1 h. Guadagniamo lentamente quota sino a raggiungere una baita. Anche qui il gruppo si divide sul sentiero da seguire, qualcuno va a sinistra verso un lungo traverso che porta sopra la diga e lago di Inferno, mentre qualcun altro sceglie di percorrere il sentiero che sale verso la bocchetta di Trona, attrezzato con catene di sicurezza. Comunque, chi prima e chi poco dopo, verso le 10.30 arriviamo al rifugio F.A.L.C. (2120 m). Qualcuno del gruppo ha esaurito le forze e decide di fermarsi qui a riposare e prendere il sole. Tutti gli altri ripartono per raggiungere la vetta, il cartello segnala 1 h e 30 min. La fifa di non farcela si avvera e purtroppo qualcuno deve rinunciare alla meta finale. Non per i cinque “runners” che veloci e leggeri affrontano la salita e in cinquanta minuti sono ad abbracciare la Croce sulla cima del Pizzo Tre Signori (2554 m). Presto sono raggiunti da tutti gli altri del gruppo che con soddisfazione hanno compiuto e completato la salita, unendosi in un forte abbraccio. Oggi il gruppo funziona come un elastico, c’è chi parte prima chi dopo, chi ha il passo più veloce chi meno, ma, comunque alla fine ci si aspetta sempre tutti in punto prestabilito. Ed eccoci felicemente tutti riuniti accanto la cappelletta di legno a forma di capanna sopra il vicino rifugio F.A.L.C. che purtroppo dobbiamo annotare nella nostra personale “Black List” per la pessima accoglienza ricevuta dalla rifugista o aiutante che sembrava “scocciata” a ogni nostra richiesta, fosse un piatto di pasta o semplicemente un caffè, peccato, pubblicità negativa che non giova a favore del rifugio. È ora di tornare indietro e la discesa avviene per lo stesso percorso effettuato all’andata, questa volta tutti insieme, in fila indiana, ognuno chiacchiera con il socio/a che gli sta davanti o dietro, il caldo non molla, ma neanche noi molliamo e arrivati al rifugio Trona Soliva veniamo accolti col sorriso, la gentilezza e la cordialità della rifugista e il suo papà, il servizio offerto merita la Q di qualità. Stiamo così bene qui che ci porta via un po’ di tempo, ma l’abbiamo sapientemente utilizzato per stare in compagnia. Ripercorriamo la lunga strada carrabile fino al parcheggio, stanchi e bruciati dal sole ma felici e contenti e per finire…brindisi finale con le bottiglie saggiamente tenute in fresco dal “Mondo barista”, salute!, evviva! Hanno partecipato: Adelia, Adelio, Ambrogio, Andrea, Betti1, Betti2, Carlo, Cesare, Claudio, Cornelio, Dario, Gigi, Giusi, Luciano1, Luciano2, Luisa, Mondo, Patrizia, Rosanna, Sandra, Silvia, Valeria. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...in vetta al Pizzo Tre Signori
Immagine 2:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...alla cappelletta vicino rifugio Falc
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più al rifugio Trona Soliva
URL report esterno: