Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rifugio Prudenzini (Parco dell'Adamello)


Datagita: 25-06-2015
Regione: Lombardia
Partenza: Saviore dell'Adamello località Fabrezza
Quota di partenza: 1458 m
Quota di arrivo: 2235 m
Dislivello: 680 m
Rifugio di appoggio: rifugio Prudenzini (aperto)
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Ottima
Commento: Il G.Q.P. organizza tutti i giovedì dell’anno le gite e il ritrovo/partenza varia, al piazzale oratorio/chiesa di Sala di Calolziocorte quando la gita è in direzione NE, diversamente si parte dalla ex piazza mercato di Calolziocorte quando la gita è in direzione NW. Oggi, puntuali come sempre, ci ritroviamo a Sala, puntiamo in direzione NE. Dopo due ore e trenta minuti di viaggio parcheggiamo le nostre auto presso l’Albergo Rifugio Stella Alpina (1458 m), in località Fabrezza dopo l’abitato di Saviore dell’Adamello in provincia di BS. Ci troviamo ai piedi della Val Salarno nel cuore del Parco dell’Adamello. Il rifugio/albergo è aperto così possiamo bere un caffè che ci aiuterà a svegliarci. Alle 8.40 ci incamminiamo lungo l’itinerario CAI n. 14, una mulattiera che con numerosi tornanti attraverso boschi di larici ben amalgamati con distese di abeti rossi, ci fa guadagnare quota passando la Malga Macesso di Sotto (1759 m) e laddove cominciano gli alberi a diradarsi e i fiori di rododendro forniscono un po’ di colore al paesaggio, arriviamo alla Malga Macesso di Sopra (1935 m). Da qui possiamo vedere la diga di sbarramento del Lago Salarno e le costruzioni dell’impianto idroelettrico, curiosa la piccola centrale, posta in una caverna scavata sotto la diga. La valle è molto aperta e ci permette di ammirare il bel panorama. Proseguiamo lungo il piano che costeggia lo scomparso Lago Macesso e con alcuni tornanti in salita eccoci nel pianoro roccioso dove si trova l’invaso artificiale del Lago Salarno (2070 m). Breve sosta e riprendiamo il nostro cammino e seguendo la sponda pianeggiante sinistra del lago in dieci minuti raggiungiamo il Lago Dosazzo (2084 m). Ancora avanti a seguire il facile sentiero, questa volta in lieve salita raggiungiamo Malga Dosazzo, dove vediamo poco distante la nostra meta. Un ultimo sforzo e dopo tre ore circa di cammino eccoci al Rifugio Prudenzini (2235 m), situato in una conca alla testata della Val Salarno in una posizione panoramica e strategica per la conquista delle vette più importanti di tutto il massiccio dell’Adamello. C’è una leggera brezza che porta aria fresca e così, il rifugista, simpatico e ospitale, ci invita a consumare il nostro pranzo al sacco dentro la sala del rifugio al riparo del vento. Per molti di noi il panino può aspettare, meglio mangiare un bel piatto di pasta fumante (abbondante e buona). Tutto procede secondo i canoni dell’amicizia, l’allegria è amplificata dai continui assaggi di grappe aromatizzate, tutte fatte in casa dai soci e ognuno a decantare la propria alchimia. Stiamo bene insieme e la sosta diventa un po’ più lunga del solito, è tempo di rientrare e completare l’escursione. Prima però facciamo un’altra foto di gruppo sul ponticello dietro il rifugio che attraversa il torrente Poia di Salarno e poi il saluto finale con un canto che echeggia nella valle.
P.S. Nel 1908 il rifugio è dedicato a Paolo Prudenzini, avvocato e appassionato alpinista. In un suo scritto troviamo il seguente brano: “Tre difficoltà si hanno a superare-per divenire alpinista… La prima difficoltà la trovai in me stesso; la seconda nella società; e la terza, la più grave a vincersi, nella famiglia”. Sono passati più di cent’anni e possiamo affermare che nulla è cambiato, le “tre difficoltà da superare” sono rimaste invariate. Hanno partecipato: Adelio, Andrea, Betti, Carlo, Cesare, Claudio, Cornelio, Daniela, Franco, Gianni, Gigi, Giusi, Lella, Lino, Luciano L., Luciano M., Luisa, Mariuccia, Mondo, Patrizia, Tonino. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: Saviore dell'Adamello tra boschi di larici e abeti
Immagine 2:
Descrizione immagine: Rifugio Prudenzini sotto la testata Val Salarno
Immagine 3:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più al Rifugio Prudenzini (2235 m)
URL report esterno: