Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Monte Berlinghera


Datagita: 15-05-2014
Regione: Lombardia
Partenza: Bugiallo località S. Bartolomeo
Quota di partenza: 1203 m
Quota di arrivo: 1930 m
Dislivello: 727 m
Rifugio di appoggio: nessuno
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Non selezionata
Valutazione generale gita: Non selezionata
Commento: L’escursione di oggi: il Monte Berlinghera, una piramide tra Lario, Valtellina e Valchiavenna. Prima di Gera Lario si sale con l’auto a Bugiallo, poi la strada si restringe e in forte salita con stretti tornanti si raggiunge S. Bartolomeo, dove all’omonima chiesetta si parcheggia (1203 m), forse un po’ scomoda da raggiungere questa località ma vi assicuro ne vale la pena. Da qui già il panorama ci ripaga del viaggio in auto, lo scorcio sul lago di Como, in una giornata di cielo azzurro, è spettacolare, unico neo, oggi tira un forte vento. Anziché prendere lì a fianco la strada agro-silvo-pastorale, ci incamminiamo sul vicino sentiero seguendo il cartello che indica l’Alta Via del Lario e Alpe di Mezzo. Ci inoltriamo in un bel bosco di faggi, querce, abeti, pini silvestri, fino ad intercettare la carrareccia che seguiamo e proseguiamo in salita. Ad un bivio lasciamo la strada sterrata e continuiamo seguendo i segni bianco-rossi fino ad uscire dal bosco e sbucare nella valle, a sinistra l’Alpe di Mezzo (1540 m) e a destra l’Alpe di Pescedo (1560 m). Spettacolare il panorama che spazia dal Pian di Spagna al lago di Como e le Alpi Lepontine, dall’imbocco della Valtellina e della Valchiavenna al Legnone e le Alpi Orobie. Questi alpeggi non sono più usati come ricovero delle bestie e le case sono state ristrutturate da privati per uso turistico. Unica nota stonata, i tralicci coi fili della linea dell’alta tensione che attraversano tutta la valle, non è certo un belvedere, ma accettato in nome del progresso…Poco sopra, di fronte a noi, raggiungiamo la Bocchetta di Chiaro (1666 m), anche qui, purtroppo, c’è un grande traliccio, con al suo interno, sollevata da terra, una altrettanto brutta e grande capanna di metallo. Però il panorama raddoppia, da un lato il lago di Como e dall’altro la Valchiavenna entrambi incorniciate dalle rispettive montagne. Breve sosta e ripartiamo sulla cresta che sale alla nostra meta, il vento che ci ha accompagnati sin’ora soffia ancora più forte. Attraverso un rado bosco raggiungiamo una croce ferrea (1830 m), un ultimo strappo ed eccoci sulla cima del Monte Berlinghera (1930 m), dove si trovano i resti di una cappella degli alpini, una struttura in muratura e di forma semicircolare, al suo interno molte lapidi a ricordo. Abbiamo impiegato poco più di due ore di cammino dalla partenza, ma lo sforzo è stato ampiamente ripagato. Se alla bocchetta il panorama era raddoppiato qui in vetta lo abbiamo completato, formidabile il colpo d’occhio intorno a noi, osserviamo la valle che abbiamo percorso e il lago che si sviluppa verso i due rami, tutto intorno una miriade di montagne con le cime innevate, impossibile descriverle tutte. Nel frattempo Eolo, il mitico re dei venti, che ci ha accompagnato lungo tutto il percorso, soffia ancora più forte e ci costringe ad abbassarci verso valle. Scendiamo dritti all’Alpe di Pescedo, attraverso un ripido prato e il bosco arriviamo alle case, dove troviamo due bei tavoloni in legno, ci accomodiamo a fare l’intervallo, immancabile la vista panoramica con tanto sole e poco vento (forse anche Eolo è andato a pranzo!). Per la discesa giriamo largo e attraversiamo l’Alpe di Mezzo prima di prendere la strada sterrata che ci porta a S. Bartolomeo. Prima di ripartire per casa rimaniamo ancora sulla balconata della chiesetta ad ammirare ancora un po’ il bel paesaggio di questi luoghi che la gita di oggi, anche se poco conosciuta e menzionata, ha saputo regalarci. Hanno partecipato: Adelio, Carla, Carlo, Claudio, Cornelio, Daniela, Egidio, Lino, i due Gianni, Gigi, Giovanni, i tre Luciano, Mariuccia, Sandro, Sandra, Tonino. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: vista panoramica dalla chiesetta di S. Bartolomeo
Immagine 2:
Descrizione immagine: Alpe di Pescedo, sullo sfondo il Monte Legnone
Immagine 3:
Descrizione immagine: G. Q. P. e più...in cima al Monte Berlinghera
URL report esterno: