Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Premana Lago Deleguaccio


Datagita: 13-06-2013
Regione: Lombardia
Partenza: Premana
Quota di partenza: 940 m
Quota di arrivo: 2090 m
Dislivello: 1100 m
Rifugio di appoggio: nn
Difficolta: PD - Poco Difficile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Buone
Valutazione generale gita: Ottima
Commento: Giro ad anello con partenza e arrivo da Premana. Lasciamo l’auto al silos all’inizio del paese e alle 8.30 imbocchiamo il sentiero lì vicino (940 m) e in 35 minuti raggiungiamo prima le baite di Gorla, poi quelle di Zuch dove troviamo un cartello che ci indica la nostra direzione ed infine le baite di Gianel. Attraverso un bel bosco di faggi arriviamo ad una graziosa cappella (1513 m), con lo sguardo rivolto verso l’alto vediamo una baita dell’Alpe Deleguaggio (1670 m) che raggiungiamo dopo 2 ore e 10 minuti dalla partenza. Lungo il tragitto ha regnato un silenzio “tombale”, Il G.Q.P.e più…forse timoroso per la lunghezza dell’escursione risparmia il fiato, testa bassa e camminare, solo il rumore degli scarponi e ogni tanto il torrente alla nostra sinistra, niente altro. A rompere questo silenzioso incantesimo ci pensano i campanacci di una trentina di capre che vedendoci arrivare ci vengono incontro e in questo frastuono ci “assalgono”, non per farci “ciao” come nei racconti di Heidi, ma per curiosare negli zaini. Facciamo una pausa, ci dissetiamo, mettiamo qualcosa “sotto i denti” mentre “sotto la cintura” le caprette ci marcano stretto e non ci lasciano in pace. Lasciamo questo bel posto di baite all’Alpe Deleguaccio e riprendiamo la salita verso il lago inferiore dell’omonima Alpe e questa volta siamo noi a fare “ciao” alle caprette. Attraverso un pratone di rododendri zigzagando in buona pendenza a metà percorso circa troviamo un crocifisso ligneo di piccole dimensioni rivolto verso il fondovalle. Dopo 1 ora come da cartello giungiamo al lago inferiore di Deleguaccio (2090 m), in 3 ore e 10 minuti ci siamo “spolpati” circa 1100 m di dislivello, niente male per questo gruppo di giovanotti. Il laghetto è ancora per tre quarti ghiacciato e oltre a una baita privata c’è anche una statua della Madonna scolpita in un marmo rosa del portogallo. Di solito dopo la pausa pranzo il G.Q.P.e più…canta “la fomna del Negus” un’allegra canzonetta, oggi no perché è arrivato nel frattempo un gruppo di ragazzi e uno di loro è di “colore”…mah…nel dubbio…per evitare malintesi rinunciamo alla cantatina. Riscendiamo all’Alpe Deleguaccio e per completare il giro ad anello prendiamo il sentiero che in saliscendi porta all’Alpe Solino (1600 m) dove arriviamo dopo un’oretta di cammino tranquillo. Brevissima sosta e poi ancora giù in discesa, questa volta il G.Q.P.e più…ha avanzato il fiato lassù al laghetto e così nel fresco del bosco finalmente si cammina e si canta. Tra una strofa e l’altra facciamo il nostro ingresso trionfale all’Alpe di Premaniga (1410 m), veramente belle queste casette di montagna, salutiamo alcuni abitanti del posto, purtroppo il rifugio Pizzo Alto è chiuso, non possiamo fermarci a “bagnare l’ugola”, pazienza “the show must go on” e andiamo avanti. Alle 17.00 in punto siamo tornati a Premana, a destra e a sinistra gli abitanti del paese stanno tagliando e rastrellando il fieno, anche i bambini, complice la chiusura delle scuole, si “divertono” a maneggiare gli “attrezzi da lavoro” e così un po’ per gioco e un po’ per tradizione aiutano i nonni e i loro genitori al raccolto. Giornata piena, non manca nulla, siamo molto stanchi ma è più grande la soddisfazione di aver compiuto questa escursione, felici e contenti qualcuno del gruppo alza la mano e col fiato rimasto dice: “ci siamo meritati una birretta?”…e così sia! Hanno partecipato: Adelio, Claudio, Cornelio, Gianluigi, Gianni, Giovanni, Lino, Luciano, Sandro. Continua…
Immagine 1:
Descrizione immagine: incontro ravvicinato di capre all'Alpe Deleguaccio
Immagine 2:
Descrizione immagine: G.Q.P.e più...al laghetto inferiore Deleguaccio
Immagine 3:
Descrizione immagine: Alpe Premaniga
URL report esterno: