Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Piazzatorre (Val Brembana)


Data gita: 23-01-2015
Regione: Lombardia
Partenza: Piazzatorre
Quota di partenza: 1110 m
Quota di arrivo: 1780 m
Dislivello: 700 m
Rifugio di appoggio: rifugio Gremei (chiuso) - rifugio Torcole 2000 (chiuso)
Difficolta: WT2 - Escursione con racchette
Esposizione della salita: Non selezionato
Tipo di neve incontrata: Non selezionato
Rischio valanghe itinerario: 1 - Debole
Condizioni itinerario: Ottime
valutazione itinerario: Ottimo
Commento: Finalmente in questi giorni è sopraggiunta la neve e così possiamo organizzare la prima ciaspolata dell’anno. A Piazzatorre (Valle Brembana) si percorre tutto il paese sino alla fine della strada in località Piazzo (1110 m) dove al parcheggio del Palaghiaccio lasciamo le auto. La giornata è serena e la temperatura quasi mite, ben sopra la media di questo periodo invernale. A condividere con noi la gita ci sono anche Cele e Luisa del CAI Ponte S. Pietro e una “new entry” nel G. Q. P.e più… il nostro socio sezionale Ambrogio. Calziamo subito l’attrezzatura per ambiente innevato e a fianco della partenza della seggiovia (oggi chiusa), iniziamo a “racchettare” lungo la strada agro-silvo-pastorale in direzione Torcola Vaga, Rifugio Gremei (1550 m). La carrozzabile, completamente coperta di neve, è divenuta una perfetta pista da fondo e inoltrandosi in un bellissimo bosco di abeti, sale con pendenza costante e ampi tornanti. Ogni tanto si apre una “finestra” tra gli incantevoli pini sempreverdi sfumati di bianco e ci lascia intravedere qua e là le splendide cime innevate. La salita è piacevole, senza particolari difficoltà (solo un po’ di fatica) e nessun pericolo (tipo valanghe). Dopo 1h e 15 minuti sbuchiamo fuori dal bosco e sopraggiungiamo in località Torcola Vaga al Rifugio Gremei (chiuso), la vista panoramica sulle più belle cime delle Alpi Orobiche è meravigliosa. Facciamo una sosta e ci riposiamo al caldo del sole mentre un gatto delle nevi sta preparando la pista da sci che scende dall’arrivo della seconda seggiovia a quota 1780 m. Riprendiamo il cammino a margine della pista panoramica, saliamo verso Torcola Soliva e a circa 1740 m di quota lasciamo la pista che gira alla nostra sinistra e proseguiamo diritti per dirigerci verso il Rifugio Torcole 2000 (1780 m). Un ultimo breve strappo e siamo in cima al Monte Torcola dove troviamo il rifugio (chiuso) con davanti il suo “orso” in legno e una seggiovia monoposto oramai in disuso, è sovrastato da numerose antenne, parabole, tralicci che in nome del progresso sfregiano un po’ questo luogo. Comunque da quassù, alla pur modesta quota in cui ci troviamo, il “quadro” dell’immagine è straordinario, la “cornice” di cime imbiancate intorno a noi costringe lo sguardo a soffermarsi con attenzione e di trasformarsi quasi in contemplazione. Una foto scaricata in web nello smartphone (ehhh…il progresso…) ci permette di riconoscere le cime più note: davanti a noi il Monte Secco e il Pegherolo, il Monte Cavallo, il Passo S. Marco, il Pizzo dei Tre Signori, la Grigna Settentrionale, alle nostre spalle il Monte Menna e l’Arera. Avvolti in questo scenario, complice la giornata solare, il gruppo decide di fermarsi a riposare e mangiare. Passiamo il tempo della pausa piacevolmente ma un improvviso colpo di vento fresco ci obbliga a ripartire, solo il tempo di scattare qualche foto di gruppo e via, giù per il sentiero innevato dietro il rifugio. Breve sosta di nuovo al Gremei e riprendiamo in discesa la mulattiera percorsa stamattina. Il livello della neve nel bosco arriva alle ginocchia, come resistere alla tentazione di fare il “fuoripista”? E allora, giù dritti nel bosco, fare slalom tra gli alberi e sprofondare con le ciaspole nella neve farinosa, forse è meno rilassante ma il divertimento è garantito. Felicissimi arriviamo al parcheggio e…sentiamo una musica pervenire dal Palaghiaccio…una colonna sonora accompagna un giovane con i pattini ai piedi, scivola leggero sulla superficie lucida e splendente del ghiaccio…è un’atmosfera talmente suggestiva che rende la giornata odierna indimenticabile. Hanno partecipato: Adelia, Alessandra, Alessandro, Ambrogio, Carla, Carlo, Cele, Daniela, Egidio, Gianni, Giovanni, Luciano M., Luciano R., Luisa, Renzo, Sandro. Continua…
Immagine1:
Descrizione immagine: tutti pronti alla partenza
Immagine2:
Descrizione immagine: ammiriamo il panorama
Immagine3:
Descrizione immagine: il gruppo a Torcole 2000
URL fotoalbum esterno: