Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Val Roseg (CH)


Data gita: 19-12-2014
Regione: Svizzera
Partenza: Pontresina
Quota di partenza: 1774 m
Quota di arrivo: 2100 m
Dislivello: 300 m
Rifugio di appoggio: Hotel Roseg Gletscher (aperto)
Difficolta: WT1 - Escursione facile con racchette
Esposizione della salita: Non selezionato
Tipo di neve incontrata: Non selezionato
Rischio valanghe itinerario: 1 - Debole
Condizioni itinerario: Buone
valutazione itinerario: Ottimo
Commento: Chiusura in “bellezza” delle gite G.Q.P. e più…targate anno 2014. E quale luogo migliore potevamo scegliere se non l’idilliaca Val Roseg? Situata nel cuore delle Alpi svizzere, in Alta Engadina, la Val Roseg è percorribile tutto l’anno, a piedi o su carrozze trainate da cavalli, con gli sci da fondo o le ciaspole, si trasforma in ogni stagione di propri colori che ne evidenziano le forme smussate di questo paesaggio. All’inizio della valle esiste un bosco di larici, abeti rossi e pini cembri, dove scoiattoli e uccelli si lasciano avvicinare dall’uomo, basta avere qualche seme o briciole di pane, che scendono dai rami degli alberi e vengono a raccogliere il cibo sul palmo della mano. Alla fine la vallata si allarga lasciando apparire lo spettacolo delle montagne sullo sfondo del ghiacciaio Roseg nella sua grandiosità. La porta d’ingresso è Pontresina, la raggiungiamo salendo da St Moritz, dopo avere attraversato i laghi con le isole, le montagne circostanti e i loro ghiacciai. I giochi di luce in queste prime ore del mattino ci regalano un paesaggio quasi irreale. Parcheggiamo le auto in Via Da la Staziun vicino alla strada sterrata di Rusellas dove inizieremo il nostro cammino (1774 m). Il freddo è tanto e la neve è poca ma sufficiente per ciaspolare, al momento decidiamo di appendere le racchette da neve agli zaini. Seguiamo la proverbiale cartellonistica svizzera sino ad attraversare il torrente Ova da Roseg (acqua di Roseg) e percorrere la facile mulattiera che d’inverno diventa una pista battuta per romantiche carrozze su slitte trainate dai cavalli. Il percorso di 7 km è facile e quasi pianeggiante, il freddo pungente non impedisce comunque alla “Lu” e alla “Rosy” di abbinare alla camminata la chiacchierata. Dopo circa due ore di cammino, all’ombra dei boschi e delle montagne, eccoci arrivati in fondo alla pittoresca valle e all’Hotel Restaurant Roseg Gletscher (1999 m). Il “rifugio” è molto bello, per curiosità diamo uno sguardo al menù, una minestra di…bontà (18 CHF=15 € circa), con 1 quartino di vino (33 CHF=27,5 € circa), lo sappiamo, anche questo fa parte del “pacchetto fiabesco” e per evitare il salasso meglio mangiare il nostro modesto panino. Non qui però ma un poco più avanti dove il sole fa capolino dalle alte cime e ci attrae verso di sé offrendoci calore e ispirandoci buon umore. Le “ragazze” con i rispettivi mariti si fermano a fare la sosta alla prima panchina, mentre il resto del gruppo dei “boys” punta al Lej da Vadret (2160 m) ma si arresta un poco prima. Questa parte terminale della valle, d’inverno con la neve, acquista un fascino particolare, un panorama di sublime vastità, montagne imponenti del Massiccio del Bernina: il Pizzo Bernina, il Piz Roseg, il Piz Scerscen. La strada del ritorno è altrettanto lunga e l’esiguo dislivello non fa guadagnare tempo. Il programma varia, dopo la salita a “piedi”, la discesa con le ciaspole e non per lo stesso percorso dell’andata, ma allungando il kilometraggio seguendo il sentiero Winter-Wanderweg (pista invernale), segnalato ottimamente con paletti color fucsia, un percorso zigzagante, dentro e fuori dal bosco, in un continuo incrociare il circuito dei cavalli. Piano piano, ritorniamo nell’habitat invernale di questa mattina, all’ombra e al freddo aggiungiamo la fatica, soprattutto percepita dalle…e per non sentire le lamentele è meglio tenere le debite distanze. L’ultimo sforzo ed eccoci al punto di partenza, oggi è stato anche il giorno di prova di tenuta de la “cavigliera” di Lino e la “ginocchiera” di Gigi, il collaudo per entrambi è stato positivo. Hanno partecipato: AlessandroCarlo, Carlo, Cornelio, Gigi, Lino, Luciano, Luisa, Mauro, Renzo, Rosanna, Sandro, Valentino. Continua…
Immagine1:
Descrizione immagine: Val Roseg sullo sfondo il Massiccio del Bernina
Immagine2:
Descrizione immagine: Rosy e Lu sulla Winter-Wanderweg (pista invernale)
Immagine3:
Descrizione immagine: G. Q. P. e più...in Val Roseg
URL fotoalbum esterno: