Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Val Fex - Engadina


Datagita: 20-03-2014
Regione: Svizzera
Partenza: Sils-Maria
Quota di partenza: 1809 m
Quota di arrivo: 2070
Dislivello: 300 m
Rifugio di appoggio: nessuno
Difficolta: F - Facile
Esposizione salita: Non selezionata
Attrezzatura necessaria:
Condizioni itinerario: Ottime
Valutazione generale gita: Eccellente
Commento: 24! new record for participation group members Quarter Pas e più…titolo in versione inglese (associato per l’evento) da registrare sul report di oggi, siamo in tanti per questa gradevole passeggiata con le ciaspole. La Val di Fex è una splendida valle laterale dell’Engadina che da Sils-Maria (1809 m) si apre come una dolce culla dai fianchi della valle fino a chiudersi nel vasto pianoro di Plaun Vadret (2070 m). Dopo aver parcheggiato nell’autosilo sotterraneo (prima ora gratuita poi 1 CHF ogni ora), ci spostiamo a piedi nella piazzetta centrale di Sils-Maria dove si trova anche la stazione di partenza delle carrozze a cavallo per la Val di Fex. A fianco c’è la palina con tutte le destinazione ma la nostra direzione è chiusa al transito da un grande cartello per pericolo slavine sulla tratta che poarte da qui al piccolo borgo di Platta (1890 m). Chiediamo informazioni al conduttore della carrozza e gentilmente ci indica un percorso alternativo un po’ più lungo ma sicuro. Ci incamminiamo sulla stessa strada che percorrono i cavalli, poche centinaia di metri sino a giungere ad una freccia che indica la nostra direzione. Calziamo le ciaspole e ci inoltriamo in una bella pineta, la salita nel bosco è abbastanza faticosa, giungiamo nell’ampio pianoro della vallata e qui inizia lo spettacolo. La valle si presenta in tutto il suo splendore, ariosa, coperta di candida neve strisciata dai sentieri battuti, il lungo corso del fiume che si incrocia e si affianca al serpentone stradale della via delle carrozze, le alte montagne, il verde dei boschi, il cielo azzurro, tutto illuminato, noi compresi, da un abbagliante sole. Seguiamo incantati queste “strade” battute e in facili saliscendi attraversiamo piccoli borghi ricchi di costruzioni montanare tipiche engadinesi, case, stalle, fattorie, pensioncine, disseminate lungo il percorso, siamo immersi emotivamente in questa piacevolissima escursione. Dopo due ore e mezza arriviamo all’ultima ridente località della valle, Curtins (1980 m), più precisamente all’Hotel Fex, adagiato sotto la ripida parete della montagna come ultimo baluardo del fondovalle. Lì vicino una stalla ci incuriosisce perché ospita degli animali yak, l’aspetto fisico è caratterizzato da una folta pelliccia con lunghi peli, le corna allungate verso l’alto e un bizzarro lungo ciuffo che copre la fronte. Metà del gruppo ha voglia di spingersi fino alla fine della valle, all’ Alp Muot Selvas (2070 m) dove si trova un ristoro, anzi oramai un ex ristoro perché distrutto da un incendio il 23 febbraio scorso. Sono cento metri di dislivello che ci permettono di raggiungere in trentacinque minuti questo anfiteatro glaciale in una posizione da cui si può godere di una bella inquadratura panoramica su tutta la valle. Dopo la pausa ripartiamo per la via del ritorno, oltre lo zaino mettiamo sulle spalle anche le ciaspole e decidiamo di percorrere la strada asfaltata delle carrozze. Sette kilometri di passeggiata nel bel mezzo della valle ad ammirare a destra e a manca la beltà del posto. Giunti a Crasta (1951 m) si lambisce sulla destra una chiesetta con campanile a vela che ospita una piccola campana, risalente al XVI secolo. Possiamo entrare la porta è aperta, al suo interno si trovano dei pregevoli affreschi dello stesso periodo e un soppalco sostiene l’organo in legno. Riprendiamo la lieve discesa che ci porta nella piazzetta centrale di Sils-Maria. Uno sguardo alla casa estiva del filosofo del novecento Friedrich Nietzsche, qui scrisse forse il suo libro più celebre “Così parlò Zarathustra”. Cento metri e siamo di nuovo al parcheggio, paghiamo il pedaggio, tre minuti per uscire, non c’è tempo da perdere, è finita la ricreazione, zainetto in macchina e via tutti a casa. Hanno partecipato: Adelia, Adelio, Carla, Cornelio, Daniela, Donata, Lino, Luca, Luciano, Luciano, Gianni, Gianni, Gigi, Giovanna, Giovanni, Graziella, Luisa, Marinella, Renzo, Rosanna, Sandro, Sara, Tonino, Valeria. Continua...
Immagine 1:
Descrizione immagine: Sils-Maria
Immagine 2:
Descrizione immagine: piccoli borghi ricchi di costruzioni montanare
Immagine 3:
Descrizione immagine: Alp Muot Selvas
URL report esterno: