Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Viaggio nel mondo di Heidi


Data gita: 03-04-2013
Regione: Svizzera
Partenza: Plaun da Lej
Quota di partenza: 1800 m
Quota di arrivo: 2550 m
Dislivello: 750 m
Rifugio di appoggio: nn
Difficolta: WT2 - Escursione con racchette
Esposizione della salita: Non selezionato
Tipo di neve incontrata: Farinosa
Rischio valanghe itinerario: 1 - Debole
Condizioni itinerario: Eccellenti
valutazione itinerario: Eccezionale
Commento: Gita fiabesca per il gruppo Quater Pas e più… sissignori, oggi andiamo a cercare “la casa di Heidi”, sì proprio lei, la bimba orfanella delle montagne svizzere e le sue meravigliose avventure tra cime, prati, baite, boschi, mentre le caprette gli “fanno ciao” a questa simpatica eroina. In realtà il mondo di Heidi si trova a Maienfeld un’altra località nel Cantone dei Grigioni, ma molti bambini (forse anche noi coi bambini) guardavano una fortunata serie televisiva degli anni ’70 e seguivano la protagonista in questo universo magico , lì hanno girato quelle famose scene che conosciamo. Dove si trova? Ebbene quelle scene cinematografiche del “villaggio di Heidi” sono state girate a Grevasalvas in quell’angolo dell’Engadina tra il passo del Maloja e St Moritz di fronte al lago Sils in localià Plaun da Lej (1800 m). Torniamo alla concretezza e dal parcheggio saliamo dietro le case una stradina innevata che sale a tornanti nei boschi fino al bivio di un ponticello. Prendiamo a destra e fuori dal bosco dopo alcuni tornanti con pendenza lieve arriviamo in mezz’ora all’incantevole alpeggio di Grevasalvas (1941 m). Il luogo è idilliaco con le baite tradizionali poste su una bellissima terrazza e il panorama si allarga sulle cime che ci circondano. Prima di cercare la “casa” di Heidi, pensiamo a ciaspolare e fare un po’ di fatica. Saliamo per pendii ripidi e grandi dossi in direzione lago Lej Nair (2456 m), noi arriviamo un po’ più sopra a quota 2550 m su un bel dosso alle 11.20, abbiamo fatto altri 600 m di dislivello, siamo affaticati ma contenti, per oggi può bastare. Scendiamo giù dritti per dritti per circa 300 m di dislivello, la montagna è un “panettone” di neve e non ci sono problemi, sopra di noi nel cielo azzurro vediamo per la prima volta con un certo stupore “un arcobaleno a forma di cerchio” che abbraccia il sole velato, stiamo per vivere una strana atmosfera surreale… ed eccoci qui, nei pressi della solitaria casa del nonno di Heidi, scelta dalla nostra immaginazione e sono le 12.00 in punto, pausa pranzo. È una bella baita in una posizione panoramica da mozzafiato con all’esterno dei bei tavoloni di legno e panche che ci ospitano (o meglio noi approfittiamo) e brindiamo a questo bel momento. In questo luogo regna la pace, lo sguardo si perde in lontananza e sotto di noi il lago Sils con sullo sfondo le vette del gruppo del Bernina, della Val Bregaglia, più in là le pareti nord del Pizzo Badile e del Cengalo, alle nostre spalle il Piz Lunghin, il Piz Grevasalvas e il frastagliato Piz Lagrev e altre ancora. La giornata fiabesca sta per terminare, abbiamo una certezza, che una volta a casa, facendo un bel sospiro e ripensando a questi luoghi, ci aiuteranno ad affrontare con più serenità la nostra frenetica quotidianità. Hanno partecipato: Adelio, Cornelio, Luciano e Lino. Continua…
Immagine1:
Descrizione immagine: Grevasalvas "il paesino di Heidi"
Immagine2:
Descrizione immagine: arcobaleno a forma di cerchio
Immagine3:
Descrizione immagine: la casa di Heidi scelta dal G.Q.P.e più...
URL fotoalbum esterno: