Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Passo Spluga


Data gita: 27-03-2013
Regione: Lombardia
Partenza: Montespluga
Quota di partenza: 1908 m
Quota di arrivo: 2115 m
Dislivello: 250 m
Rifugio di appoggio: nn
Difficolta: WT1 - Escursione facile con racchette
Esposizione della salita: Non selezionato
Tipo di neve incontrata: Farinosa
Rischio valanghe itinerario: 1 - Debole
Condizioni itinerario: Buone
valutazione itinerario: Ottimo
Commento: La giornata a Calolziocorte fa schifo, piove, ma il gruppo Quater Pas e più…pensa sempre in positivo, le nostre previsioni meteo dicono che dovremmo trovare un po’ di bello al Passo dello Spluga, meta di oggi. Siamo fiduciosi, partiamo e il cielo grigio ci accompagna continuamente, la parola d’ordine in auto è “sperèm” e… all’ultimo tornante prima del rettilineo che porta alla diga dello Spluga, improvvisamente è come svegliarsi da un brutto incubo, sole splendente in un cielo azzurrissimo, tutto intorno panorama di montagne piene di neve che abbracciano la valle e l’incantevole villaggio di Montespluga (1908 m), in questo momento sembra di essere in un altro mondo, anche questa volta abbiamo “centrato” il meteo e siamo stati ripagati da tanta bellezza. Siamo così contenti che invece di ciaspolare chiamiamo col cellulare gli amici, le mogli (che dicevano: ma dove vai con questo tempo!) per esprimere la nostra soddisfazione di stare lì e le nostre emozioni. Approfittiamo di questo bel colpo di… fortuna e da Montespluga saliamo al Passo dello Spluga (2115 m) chiuso in questo periodo, seguendo la strada statale piena di neve. Subito dopo la dogana proviamo ad andare a vedere in un punto del versante svizzero il Pizzo Tambò (3279 m), percorriamo verso sinistra una mulattiera, antica via di transito tra il confine italo/svizzero e, in breve tempo si annuvola e un forte vento gelido ci colpisce (saranno state le gufate delle telefonate?), ad una galleria contro le valanghe troviamo rifugio, facciamo una breve pausa, ci copriamo bene, decidiamo di fare dietro-front, non è possibile proseguire. Passato il valico mentre scendiamo a Montespluga il vento cessa e arrivati all’ auto facciamo la pausa pranzo. Le nuvole nel frattempo lasciano spazio al cielo azzurro e al sole che ci riscalda e ci permette ancora di camminare fino alla diga dello Spluga e di godere ancora di questa bella giornata. Sulla via del ritorno a casa ci fermiamo a bere un buon caffè e non lesiniamo parole “mielose” sulla splendida giornata trascorsa. A proposito a Calolziocorte piove ancora! Hanno partecipato: Adelio, Cornelio, Gianluigi, Gianni e Luciano. Continua…
Immagine1:
Descrizione immagine: lago innevato e in fondo il paesino Montespluga
Immagine2:
Descrizione immagine: salita dalla strada statale innevata Passo Spluga
Immagine3:
Descrizione immagine: rifugio nella galleria paravalanghe a Splugenpass
URL fotoalbum esterno: