Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rifugio Calvi


Data gita: 21-03-2013
Regione: Lombardia
Partenza: Carona
Quota di partenza: 1222 m
Quota di arrivo: 2015 m
Dislivello: 800 m
Rifugio di appoggio: rifugio Calvi (chiuso)
Difficolta: WT2 - Escursione con racchette
Esposizione della salita: Non selezionato
Tipo di neve incontrata: Non selezionato
Rischio valanghe itinerario: 1 - Debole
Condizioni itinerario: Ottime
valutazione itinerario: Ottimo
Commento: Meta di oggi rifugio Calvi in Alta Valle Brembana. Partenza da Calolziocorte teorica ore 7.00, in pratica ore 7.30 perché “una sveglia non ha suonato” e così alla moda vecchia abbiamo dovuto buttare giù dal letto il socio suonando al campanello di casa. Niente di male, gli imprevisti possono sempre succedere, ci costerà un po’ di coda ad attraversare i paesi ma arriviamo senza problemi a Carona lungo la strada che passa sopra il paese dove parcheggiamo (1222 m). Giornata di sole, cielo azzurro su, neve bianca giù, il G.Q.P.e più…non si smentisce, ottima scelta anche questa volta. Le carte dicono tempo standard per la salita al rifugio circa 3 ore e mezza, il gruppo Quater Pas e più…dice tempo calcolato 4 ore. Sono già le 9.30, abbiamo già accumulato abbastanza ritardo sulla tabella di marcia, meglio partire subito a testa bassa. Si sale lungo la strada sterrata di servizio ENEL e con buona pendenza poco dopo si raggiunge l’abitato di Pagliari (1314 m), si prosegue passando la cascata della Sambuzza piuttosto piena d’acqua per lo sciogliersi della neve in questo periodo, e raggiungiamo la baita Birone. Con percorso più dolce si prosegue fino al lago del Prato (1654 m), per poi continuare fino sotto la diga del lago Fregabolgia dopo circa 3 ore e mezza di cammino. La stanchezza colpisce duro, parte del gruppo è in riserva e vista l’ora (12.50), decidiamo di fermarci a riposare e mangiare, peccato, la meta è vicina e vorremmo completarla, così Adelio, Luciano e Sandro, spronati anche dal resto del gruppo, salgono la scalinata che porta alla sommità della diga (1950 m) e con percorso quasi pianeggiante raggiungono il rifugio Calvi (2015 m), sono le ore 13.30, meta raggiunta, la media del gruppo Quater Pas e più…è stata rispettata. A metà percorso sulla strada del ritorno il gruppo si ricompatta e con passo sicuro raggiungiamo le auto dove ci aspetta una meritata “merendina” con brindisi, complimentandoci a vicenda per la bella giornata trascorsa in compagnia. Hanno partecipato: Adelio, Cornelio, Gianluigi, Gianni, Giovanni, Lino, Luciano e Sandro. Continua…
Immagine1:
Descrizione immagine: abitato di Pagliari
Immagine2:
Descrizione immagine: verso il rifugio Calvi
Immagine3:
Descrizione immagine: sullo sfondo il rifugio Calvi
URL fotoalbum esterno: