Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Presentazione AG

   

   

 

 

 

 

 

 

Per quanto può sembrare strano la nascita dell’alpinismo giovanile del club alpino italiano è probabilmente immediatamente successiva alla fondazione del CAI stesso (1863 ), trascorrono però all’incirca 30 anni per avere <<il primo riscontro di un impegno del CAI rivolto ai giovani>>: siamo nel 1881ad un congresso di Palermo e l’anno successivo Vittorio Sella e  altri organizzano la  <<prima carovana scolastica>>.      

        Da allora di strada se ne è fatta molta nel 1984 viene ufficializzata la Commissione Centrale dell’Alpinismo Giovanile e nel 1988 viene approvato Il PROGETTO EDUCATIVO  che diventa il fondamento dell’alpinismo giovanile stesso,  in cui viene scritto: <<L'Alpinismo Giovanile ha lo scopo di aiutare il giovane nella propria crescita umana, proponendogli l'ambiente montano per vivere con gioia esperienze di formazione>> e in cui si conferma che è il Giovane è il  vero protagonista.      

          All’interno del CAI ogni anno l’alpinismo giovanile a, livello nazionale e regionale organizza corsi sezionali per ragazzi, settimane estive a livello sezionale e regionale, trekking intersezionali e attività internazionali grazie alla collaborazione con l’UIAA (Unione Internazionale delle Associazioni Alpinistiche), attività regionali come l’annuale raduno e l’attendamento; ma anche attività di formazione e aggiornamento per accompagnatori regionali e nazionali, per operatori sezionali e per insegnanti.

Nella Nostra Sezione      

        A Calolziocorte l’alpinismo giovanile nasce dall’idea venuta a tre amici in una delle tante giornate passate alla Nostra Capanna Sociale, siamo nel 1988, e quell’idea che all’inizio a qualcuno sembrava un po’ folle (allora l’AG non era molto conosciuto e chi andava in montagna ci andava per lo piu’ per andare ad arrampicare, sciare o per andare a caccia) diventa ben presto realtà :<<La prima domenica di Maggio del 1989, 23 ragazzi avvolti nelle loro mantelle lasciavano il Pian del Vicerè per salire al Monte Bollettone…>>      

        “Inizio bagnato inizio fortunato” disse qualcuno e così è stato … per tutti gli anni successivi il corso si è ripetuto portando nuovi ragazzi a scoprire quanto la montagna ha da offrire.      

        Nel 2008 siamo arrivati al 20° corso di AG e la sezione ha deciso di festeggiare questo successo organizzando in casa nostra il Raduno Regionale di Alpinismo Giovanile che ha visto scorrazzare per le vie di Calolziocorte e frazioni all’incirca 1000 persone tra ragazzi e accompagnatori.       

        Al 2009, siamo arrivati al 21° corso con 39 ragazzi, 1 accompagnatore nazionale, 3 accompagnatori regionale e una quindicina di aiuto accompagnatori.       

        Un sentito grazie va a quei tre amici che quel giorno hanno dato il via a questa bella avventura; ai presidenti della nostra sezione presenti e passati che nell’alpinismo giovanile hanno sempre creduto e l’hanno sempre sostenuto, a tutti gli accompagnatori e gli aiuto accompagnatori che in questi anni si sono succeduti e che hanno collaborato per una buona riuscita; ma soprattutto ringraziamo i ragazzi ( e i genitori) perché senza di loro l’AG non potrebbe esserci.      

        Per ultimo  un pensiero particolare va a Danilo, Mario e Giancarlo, grandissimi amici che per l’alpinismo giovanile hanno fatto davvero tanto, ma che purtroppo non sono più con noi,  a loro va il nostro grazie piu’ sincero.      

        Ci auguriamo che il resto della storia venga scritta  tra vent’anni da qualcuno che nell’alpinismo giovanile a continuato a crederci…..

Nessi Paola